Bandit Rock Radio

Bandit Rock Radio

JackBlog

Contatta Jackblues

On the road, forever

  • 4 febbraio 2015

Premetto che non sono un giornalista o un critico musicale, ma mi permetto ugualmente di esprimere il mio modestissimo parere sui dischi recentemente acquistati. L’ultimo acquisto è il CD della band italiana “on the road quartet” ed è con loro che inauguro la rubrica “gente che sa suonare”.

Suonano musica di strada, quella che amalgama la tradizione folk di fine 800, il valzer viennese, lo shuffle, il blues, il rock’n’roll, lo ska, la musica afro-caraibica… insomma la musica di New Orleans, lo Zydeco.

Il disco, N.O. DREAMING, è suonato da Gianni Di Ruvo (chitarra), Davide Speranza (voce, armonica, washboard, cigarbox guitar), Claudio De Palo (basso) e Angelo Farolli (batteria); come buona consuetudine ci sono anche alcuni ospiti tra i quali mi piace segnalare Veronica Sbergia, tra le migliori voci blues italiane.

Le tracce sono 12. Di seguito vi descrivo quello che ho immediatamente pensato dopo il primo (e rapido) ascolto del disco e dopo la terza volta che l’ho riascoltato.


*ZYDECO ZYDECO

1°: minchia se spacca!

3°: non può esserci migliore apertura per un disco. Sound ricco, slide a palla, e l’armonica di Davide che mette subito le carte in tavola. 


*TALK TO ME

1°: questa non me l’aspettavo. Veronica 10

3°: non vuole essere solo un disco di blues (immagino) e questa canzone ne è la dimostrazione. Un brano SKA da ballare!


*GOIN’ DOWN SLOWLY

1°: il vero protagonista è Breach amps! lo Slow forse non si abbina bene con il resto del disco.

3°: giusto per ricordare che è il blues la matrice di provenienza del quartetto. Il suono di Gianni? che ve lo dico a fare…


*HORSEFLY IN A MINOR

1°: non ci credo…oppure non ci voglio credere.

3°: alta scuola di armonica a bocca. bandiera bianca, mi arrendo. Mi viene in mente che alla prima del Don Giovanni, l’imperatore convocò Mozart nel suo palco per congratularsi con lui e gli disse: “quante note” e Mozart : “sì, ma nemmeno una di troppo”.


*BRAND NEW RAY

1°: figata, buon umore.

3°: zingari, circo, blues. Anche qui di balla, non c’è un cazzo da fare. finalmente una band che non fa solo blues. Bella idea.


*LUCY

1°: il country è d’obbligo

3°: semplice ma efficace. La voce di Davide inizia a piacermi. Mi sarebbe piaciuto infilarci un solo con la mia chitarra.


*ALL APOLOGIES

1°: mmm bo.

3°: forse quella che mi piace di meno. Probabilmente il riff di armonica e la melodia vocale sono troppo lontani da quello che le mie orecchie sono abituate ad ascoltare. Ad ogni modo, la chitarra di Heggy V. restituisce alle mie orecchie quello che si aspettavano. Uno Shuffle originale.


*LOVERS AND THE WIND

1°: relax e cannone. Fighissimo il trombone di Beppe Caruso!

3°: caraibi, percussioni e onde del mare in lontananza… fino a giungere al Santana che c’è dentro Gianni.


*N.O. DREAMING

1°: la classica semplicità di New Orleans

3°: cuore e ritmo. Batteria alla grande.


*JOHNNY PLAYS GUITAR

1°: vai LEO!

3°: il rock’n’roll ci sta sempre.


*FIGHTIN’ FOR LOVE

1°: vale da sola il prezzo del disco.

3°: mi sa di ballata irlandese, dove l’armonica diventa una cazzo di cornamusa e regala un fottuto viaggio. Davide è sempre stato, per me, il più grande e il disco melo conferma.


*AMBULANCE

1°: all right, un po’ di blues

3°: un brano blues per chiudere. della serie, stavi aspettando il blues, eccolo!


Morale: un ottimo disco, diverso dalla solita tristezza che avvolge i musicisti lombardi. Non è una blues band, è una BAND. Energia, talento, ottimi suoni e un’armonica a bocca che spacca. Andate a comprarlo e fatemi sapere che ne pensate!! …e voi RAGAZZI… on the road, forever!

Comments

Back home